Lista utenti taggati

    Esiste un solo tipo di affido?

    corsi formazione

    Ciao a tutte,

    scusate l'ignoranza... io e mio marito stiamo valutando se ce la sentiamo di dare la disponibilità per l'affido.
    Noi stavamo per adottare 3 bimbi colombiani quando sono rimasta incinta. Iter bloccato. Oggi nostra figlia bio ha 15 mesi e i servizi fanno ostruzionismo a farci ricominciare l'iter adottivo... che già di per sé sarebbe difficilissimo avendo una bimba così piccola e non potendo adottare bambini più grandi di lei

    Di affido non sappiamo quasi nulla, per questo chiedo a voi:
    esiste solo l'affido temporaneo o ci sono altre forme?
    l'affido può trasformarsi in adozione?
    esiste un tipo di affido che sicuramente NON si trasformerà in adozione?

    Grazie!

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    Cara Leomamma,
    innanzitutto voglio dirti che è molto bello che tu stia pensando all'affido, è evidente che la tua voglia di amare un bambino è veramente grande! So che esistono vari tipi di affido (a tempo pieno o parziale), ma dalle mie informazioni non si può mai trasformare in adozione. Altrimenti rischierebbe di diventare una scorciatoia rispetto ai tempi lunghi (purtroppo) dell'adozione. So, per averlo sentito raccontare, di affidi che sono durati per molti anni e di fatto erano molto simili ad un'adozione. Ma legalmente i bambini in affido non erano i figli delle coppie affidatarie.
    Per quanto riguarda l'ostruzionismo dei servizi sociali, non è che magari vogliono solo farti aspettare ancora un pò, in modo che tua figlia sia un pò più grande, prima di intraprendere la strada dell'adozione? Alcuni Tribunali consigliano di aspettare che il primogenito abbia almeno due anni, altri tre. Se il tuo desiderio è l'adozione, io valuterei anche questa possibilità e magari ne parlerei anche con loro.

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    Grazie Adelina!
    No, i servizi fanno ostruzionismo perché dicono, appunto, che dobbiamo aspettare almeno che la nostra bimba abbia due anni per capire se davvero desideriamo ancora adottare.
    Il che mi sembra una cavolata cosmica, almeno riferita a noi: durante tutta la gravidanza e fino a oggi l'adozione è rimasta una scelta che vogliamo portare a termine... perché perdere tempo?
    Tanto - e lo sanno - adotteremmo in Colombia, dove, per aver l'abbinamento con un solo bimbo, passano almeno 4 anni. Quindi aspettare prima di poter ricominciare l'iter serve solo a farci perdere altro tempo.
    E' per questo che ci stiamo scoraggiando, anche considerata l'età di mio marito e i famosi 45 anni di differenza massima di età: più passa il tempo e più la finestra si restringe.
    Se poi ti dico quanto è simpatica l'assistente sociale... io insistevo e lei: Sono contraria a un figlio a ogni costo!
    Le ho risposto: Come vede, il figlio ad ogni costo ce l'ho qui in braccio davanti a lei!
    Angelica era dentro la mia fascia, appesa sulla mia pancia, che la guardava malissimo anche lei!

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    Solo una precisazione: la differenza di età massima di 45 anni tra adottato e adottante non è più valida in presenza di un figlio minore in famiglia. Ed è proprio il vostro caso. Lo so per certo perchè quando iniziai il percorso ero anch'io nella stessa condizione. Infatti sono stata abbinanta con un bimbo colombiano che non ha ancora compiuto i 4 anni ed io ne ho già 49.
    Comunque se la vostra decisione è matura e forte, come mi sembra, io andrei avanti a testa bassa. I servizi sociali non possono impedirvi di presentare domanda. E' chiaro che possono rendervi il percorso fino all'idoneità molto più difficile. Ma dovranno pur riconoscere le vostre buone motivazioni!! In caso contrario potete sempre chiedere di cambiare equipe (so che è possibile).

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    Citazione Originariamente Scritto da Adelina Visualizza Messaggio
    Solo una precisazione: la differenza di età massima di 45 anni tra adottato e adottante non è più valida in presenza di un figlio minore in famiglia.
    Questa sì che è una grande notizia! Grazie infinite per avermelo detto, nessuno ci aveva parlato di questa bellissima possibilità!
    Grazie grazie grazie!!!

    Anche tu hai scelto la Colombia

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    l'affido non può diventare adozione perchè ci sono la mamma e il papà con cui dovrete relazionarvi.
    la situazione degli affidi la conoscono bene i servizi del tuo comune e magari dei limitrofi.

    ci sono degli affidi a tempo part time ;
    ci sono degli affidi con permanenza per cui dormono anche a casa.
    sui tempi delladurata degli affidi non possono esserne certi perchè devono proprio capire quando la situazione di difficoltà familiare sarà sistemata (per gli stessi motivi che hanno costretto a mandare in affido i loro figli) e questo non è predeterminabile a priori.
    a volte però si spera che quando per es la madre trova lavoro stabile possa tornar ein famiglia il figloi temporaneamente affidato a voi

    se siete ocnvinti dell'affido , andate! non fermatevi.
    per prima cosa cercate di dare disponibilità all'ascolto proprio dei professionisti (psicologi e assistenti sociali) e magari proponete loro che partecipereste ai corsi di formazione o alle riunioni che fanno i genitori affidatari per imparare cosa fanno
    per esempio da noi si trovano e parlano delle liti coi genitori bio; dei provvedimenti dei giudici tutelari restrittivi ; dei bambini trascurati e divisi ; degli abusi subiti. si imparano tante cose e vi farete vedere disposti.
    del resto saranno loro che dovranno provare ad aiutare questi bambini
    .
    so dai forum specifici di coppie che sono andate anche in altri comuni.
    provate, fateci sapere!

    Micheletta!!!

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    Scusate mi intrometto, avendo sostenuto proprio qualche giorno fa l'esame di diritto privato.
    L'affido e l'adozione sono due istituti diversi, molto diversi.
    L'affido secondo la legge può durare massimo 24 mesi, tempo in cui la famiglia d'origine, deve far fronte ai problemi che hanno portato all'affidamento TEMPORANEO del minore. Cambiano le modalità, ma l'istituto resta tale.
    Può essere affidatario anche una sola persona, sola o con qualche altro parente al seguito (madre e figlia ad esempio).
    Per quanto riguarda invece l'adozione, questa è consentita anche se UNO SOLO dei due coniugi supera il limite dei 45 anni di differenza con l'adottato ma in misura inferiore ai 10 anni, avendo già un figlio minore.

    Per qualsiasi altra informazione potete chiedermi, se ne avete voglia.




    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    non conosco specificatamente gli articoli che hai studiato...(diritto privato è un malloppone gigantesco!!brava!!!)
    quando abbiamo avuto il colloquio con la capa delle assistenti sociali ci parlò di questo termine. termine che però non significa che ci sia una scdenza predeterminata al termine dei 24 mesi perchè
    preminente è l'interesse al benessere del minore per cui
    se dopo i 24 mesi ancora non c'è soluzione alle problematiche familiari che hano portato i giudici ad una decisione così drastica come un affido in famiglia esterna , l'affido potrebbe anche ripartire
    e si spera con la stessa famiglia che lo ha tenuto due anni...
    non so come facciano, ma mi auguro che ci siano queste tutele...
    sai cos'è l'affido sine die? ogni volta mi sfugge!!!

    inoltre mi sembra ci sono affidi previsti dal giudice tutelare, altre volte mi sembra di aver capito che sono provvedimenti di natura diversa...sai aiutarci?magari linkaci qualche norma così ci districhiamo!
    che facoltà fai?auguri cara!!!

    Micheletta!!!

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    davvero...approfitto dei tuoi studi. ho letto nell'altro post!
    alla "scadenza" dei due anni, cosa può succedere?

    Micheletta!!!

    Re: Esiste un solo tipo di affido?

    Avevo scritto un lunghissimo post e non me l'ha inviatoprovo a scrivere di nuovo.
    Rispondo a quello che so..
    L'affido sine die è un affido a tempo indeterminato, per il quale non si prevede il rientro in famiglia e non è possibile l'adozione (per diversi motivi, come ad esempio, la mancanza dei requisiti essenziali da parte della famiglia in questione). E' un affido a lungo termine.

    Per quanto riguarda la durata dell'affidamento e le diverse modalità con il quale viene richiesto, cito l'articolo della legge, che è la stessa dell'adozione, la 149 del 2001:

    «Art. 4. – 1. L’affidamento familiare è disposto dal servizio sociale locale, previo consenso manifestato dai genitori o dal genitore esercente la potestà, ovvero dal tutore, sentito il minore che ha compiuto gli anni dodici e anche il minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento. Il giudice tutelare del luogo ove si trova il minore rende esecutivo il provvedimento con decreto.
    2. Ove manchi l’assenso dei genitori esercenti la potestà o del tutore, provvede il tribunale per i minorenni. Si applicano gli articoli 330 e seguenti del codice civile.
    3. Nel provvedimento di affidamento familiare devono essere indicate specificatamente le motivazioni di esso, nonché i tempi e i modi dell’esercizio dei poteri riconosciuti all’affidatario, e le modalità attraverso le quali i genitori e gli altri componenti il nucleo familiare possono mantenere i rapporti con il minore. Deve altresì essere indicato il servizio sociale locale cui è attribuita la responsabilità del programma di assistenza, nonché la vigilanza durante l’affidamento con l’obbligo di tenere costantemente informati il giudice tutelare o il tribunale per i minorenni, a seconda che si tratti di provvedimento emesso ai sensi dei commi 1 o 2. Il servizio sociale locale cui è attribuita la responsabilità del programma di assistenza, nonché la vigilanza durante l’affidamento, deve riferire senza indugio al giudice tutelare o al tribunale per i minorenni del luogo in cui il minore si trova, a seconda che si tratti di provvedimento emesso ai sensi dei commi 1 o 2, ogni evento di particolare rilevanza ed è tenuto a presentare una relazione semestrale sull’andamento del programma di assistenza, sulla sua presumibile ulteriore durata e sull’evoluzione delle condizioni di difficoltà del nucleo familiare di provenienza.
    4. Nel provvedimento di cui al comma 3, deve inoltre essere indicato il periodo di presumibile durata dell’affidamento che deve essere rapportabile al complesso di interventi volti al recupero della famiglia d’origine. Tale periodo non può superare la durata di ventiquattro mesi ed è prorogabile, dal tribunale per i minorenni, qualora la sospensione dell’affidamento rechi pregiudizio al minore.
    5. L’affidamento familiare cessa con provvedimento della stessa autorità che lo ha disposto, valutato l’interesse del minore, quando sia venuta meno la situazione di difficoltà temporanea della famiglia d’origine che lo ha determinato, ovvero nel caso in cui la prosecuzione di esso rechi pregiudizio al minore.
    6. Il giudice tutelare, trascorso il periodo di durata previsto, ovvero intervenute le circostanze di cui al comma 5, sentiti il servizio sociale locale interessato ed il minore che ha compiuto gli anni dodici e anche il minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento, richiede, se necessario, al competente tribunale per i minorenni l’adozione di ulteriori provvedimenti nell’interesse del minore.

    Trascorsi quindi i 24 mesi previsti, il giudice con il servizio sociale di competenza, decide quali altri provvedimenti attuare... il rientro in famiglia, il prolungamento dell'affido, l'affido ad altra famiglia, il "ricovero" in una comunità familiare. Tutto dipende dal minore, dalla situazione della sua famiglia e dai suoi bisogni.

    Per quanto riguarda me, studio per diventare assistente sociale, ma in realtà privato era la mia ultima materia mi laureo a giugno/luglio. Ho fatto parecchi tirocini ed esperienze e amo i bambini. Il primo tirocinio l'ho fatto ai servizi sociali, affiancata ad un'assistente sociale che si occupa di minori, in un comune che è centro affidi. Il secondo tirocinio alla neuropsichiatria infantile. Finiti i tirocini ho scelto di fare il servizio civile e ho scelto una comunità per minori, maschile dagli 8 ai 18 anni. E' stato un anno molto duro, ma una delle più belle esperienze della mia vita. E' stato due anni fa, ma vedo ancora, quasi ogni settimana, i "miei ragazzi". Fanno parte e sono presenti nella mia vita, così come io lo sono nella loro. L'anno scorso ho anche lavorato in una comunità per bambini con diversi disturbi, dislessia, autismo, ecc. Mia madre fa la maestra d'asilo e io spesso vado a trovarla e sono due anni, che in attesa della laurea lavoro come baby sitter e doposcuola. Sono circondata da bambini e li adoro, non potrei fare altro. Per questo quello che non studio all'università, lo studio per conto mio, mi informo parecchio e se posso esservi utile, lo faccio con tutto il cuore.




Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •