Lista utenti taggati

Discussione: Rischio Sanitario

    Rischio Sanitario

    corsi formazione

    Esistono dei centri di riferimento GLNBI-SIP per l'accoglienza sanitaria ove viene seguito il protocollo diagnostico-assistenziale per l’accoglienza sanitaria dei bambini adottati all’estero (GLNBI-SIP 2007).
    Sono disponibili a valutare la cartella sanitaria del bambino per valutarne le condizioni di salute .
    Si trovano a Torino, Verbania, Milano, Novara, Genova, Verona, San Vito al Tagliamento (PN), Parma, Firenze, Ancona, Roma, Pescara, Lanciano (Chieti), Napoli, Bari, Lecce e Messina.

    Grazie nonna ... grazie per aver reso possibile l'impossibile ...



    Re: Rischio Sanitario

    cosa vi stanno dicendo del rischio sanitario?

    Micheletta!!!

    Re: Rischio Sanitario

    Noi siamo in lista per un corso, mi pare di un giorno, grazie alla nostra assistente sociale, sul rischio sanitario, organizzato dal comune di Torino.

    Re: Rischio Sanitario

    poi facci sapere cosa ti dicono

    Grazie nonna ... grazie per aver reso possibile l'impossibile ...



    Re: Rischio Sanitario

    Volentieri, anche se l'a.s. non ci ha detto neppure la data di quando si terrà..

    Re: Rischio Sanitario

    io ho capito (si fa per dire) questo:
    il rischio sanitario è insito in ogni ado, perchè non è certo fino al 100%che il bambino abbia avuto magari assistenza sin dalla nascita, per mancanza di strutture del paese, perchè magari la sua mamma non l'ha amato e seguito perchè non poteva o non voleva...
    a volte non si sa niente della storia precedente a quando viene accolto dalle strutture o dai servizi...

    ci possono essere paesi in cui le procedure sono più collaudate (e comunque ci possono essere bambini trovati per strada e magari neanche neonati e di cui -per questi- non si sa come è andata la gravidanza e chi era la sua mamma)e altri paesi in cui le procedure non ci sono...

    c'è l'indeterminatezza dei termini medici: una cosa che da noi è curabilissima, da altre parti non lo è , soprattutto per le famiglie povere e bisognose.

    c'è anche quanto siamo disposti ad accettare il rischio che non sia "come me l'aspettavo".

    c'è un pizzico di fatalismo da tirar fuori. Perchè anche nella gravidanza naturale non tutto è sempre pianificabile.
    una differenza potrebbe essere che sai tutto di tuo figlio, da quando l'hai concepito, alla sua nascita, le eco, le malformazioni, la dieta se ha mangiato troppo o troppo poco, se faceva la cacca dura oppure se il latte non gli piaceva.
    nell'ado non c'è questo passato..e a volte nessuno che te lo può raccontare.

    Micheletta!!!

    Re: Rischio Sanitario

    Noi avevamo dato l'accettazione per il rischio sanitario relativo a problemi reversibili ma quando ci hanno convocato per nostra figlia - avendo poco più di 40 g ed essendo la mamma malata - ci hanno detto che non si poteva sapere se avrebbe avuto problemi neurologici permamenti . La stessa giudice si é trovata a dover leggere un resoconto parziale di una relazione medica con tanto di valori e terminologie sconosciute a chi non é del settore.E di norma, dopo il primo colloquio, dicono "ora uscite, pensateci 10' e poi tornate con un sì o con un no" . Quindi alcune volte capita che le informazioni che si ricevono al momento della convocazione siano parziali e non esaustive e comunque non si ha molto tempo per pensarci .
    Ma, al di là di casi evidenti di problemi sanitari, l'incertezza c'é sempre, anche per un figlio bio, come ha detto giustamente Micheletta.

    A mio avviso, in questi casi, sarebbe opportuna la presenza di un medico che aiuti la coppia ad approfondire certi aspetti legati al possibile rischio sanitario perché altrimenti ci si trova completamente soli.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •