I vantaggi del co-sleeping ✿

co-sleeping

 

In inglese si chiama ‘co-sleeping’ e indica l’abitudine di dormire con il proprio bambino, condividendo il lettone.

Per molti abitudine radicata e naturale, per altri pratica considerata da evitare per una corretta educazione del piccolo, sembra che le posizioni degli esperti attorno a questa consuetudine siano in realtà molte e contrastanti.

 

Chi ha ragione in proposito?

Risale al 2011, un interessante studio condotto dalla Stony Brook University di New York che di fatto ha sdoganato la pratica del ‘dormire condiviso’.

Prendendo in considerazione ben 944 coppie di adulti con bambini al di sopra dell’anno di vita, la ricerca ha dimostrato come l’educazione e lo sviluppo del piccolo risultino del tutto indipendenti dal fatto di trascorrere con lui – nello stesso letto – il momento del riposo.

 

I bambini della stessa età presi in considerazione raggiungevano livelli di sviluppo cognitivo e comportamentale equivalenti, a prescindere dal fatto che dormissero da soli o in compagnia dei genitori.

I risultati sembravano superare quella che fino ad allora era stata l’opinione della maggior parte degli studiosi, che da lungo tempo ritenevano il co-sleeping un’abitudine malsana per il raggiungimento dell’indipendenza del piccolo e per l’armonia di coppia degli adulti.

La condivisione di un luogo così intimo come il letto matrimoniale, infatti, sembrava minare l’intesa tra i genitori, e allo stesso tempo rendere più difficile e stressante per il bambino il momento di incominciare a dormire da solo, interrompendo un’abitudine consolidata durante tutti i primi anni di vita.

Queste considerazioni contrastano con uno studio ancor più recente, apparso lo scorso novembre su SLEEP, la rivista scientifica ufficiale della American Academy of Sleep Medicine e della Sleep Research Society.

 

Le evidenze riscontrate portano all’osservazione che dormire insieme può assecondare l’aspetto più spiccatamente sociale dell’essere umano.

Condividere il momento del riposo con altre persone servirebbe a sentirsi più sicuri e a limitare la produzione di ormoni dello stress, favorendo una crescita equilibrata e serena.

La causa del sonno frammentato di molti bambini, costellato cioè da più risvegli, sarebbe quindi attribuibile ad un maggior senso di solitudine percepito. E’ come se l’addormentarsi da soli, possa attivare in alcuni bambini un’allerta del senso di vulnerabilità, disturbandone il sonno.

Nonostante queste considerazioni, apparentemente autoevidenti, durante i decenni sono stati numerosi gli studi in proposito, e tutti hanno raggiunto risultati contrastanti.

 

Alcune ricerche dell’American Academy of Pediatrics, per esempio, avevano spinto a ipotizzare un legame tra la pratica del co-sleeping e il drammatico fenomeno delle morti bianche, mentre altri studi si spingevano addirittura a consigliarlo, sostenendo la tesi contraria.
Ad oggi, nessuna conclusione risolutiva sembra essere stata raggiunta.

Dormire insieme al proprio bambino è sicuramente una consuetudine che porta con sé numerosi benefici, pur coinvolgendo variabili difficili da valutare per numero e complessità.

 

Sembra tuttavia possibile escludere che il co-sleeping abbia delle conseguenze negative immediate sul bambino.

Come spesso capita nell’ambito educativo, però, si tratta di una scelta ancora rimessa alla sensibilità del genitore, che dovrà agire sulla base delle esigenze specifiche del proprio bambino, alla ricerca dell’armonia familiare.

 

Approfondimenti

American Academy of Sleep Medicine

 

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

Facebook Comments

0 Shares

3 thoughts on “I vantaggi del co-sleeping ✿

  • 5 Ottobre 2015 in 04:33
    Permalink

    Beh, sotto l’anno tutti i medici consigliano il co-sleeping mentre il co-bedding (se il primo è inteso come “stessa stanza” e il secondo come “stesso letto”) è una scelta dei genitori. A me al corso preparto l’han consigliata x favorire l’allattamento al seno, ma so che quando eravamo piccoli noi (anni 80) era sconsigliata.

    Morale: come tante altre cose che riguardano il bebe, la sua cura e il suo svezzamento, ogni tot anni si capovolgono le opinioni e quindi i genitori si scontrano con i nonni a cui era stato detto l’opposto.

    Risposta
  • 2 Ottobre 2015 in 07:28
    Permalink

    L’articolo non è del tutto corretto. La pratica del co-sleeping è ben diversa da quella del co-bedding (dormire nello stesso letto). Il co-sleeping indica la pratica di dividere lo stesso ambiente (stanza) per dormire. …..

    Risposta
    • 2 Ottobre 2015 in 09:51
      Permalink

      Buongiorno Miriam, la ringraziamo per il suo contributo.
      L’articolo fa riferimento al co-sleeping come pratica di sonno condiviso in quanto, soprattutto nel linguaggio comune, questa definizione sta ad indicare il “dormire insieme” in generale.
      Il co-bedding, come giustamente segnalava, è il termine specifico che indica la condivisione del letto.
      Nell’articolo comunque è trattato il sonno condiviso in generale (inteso sia come co-bedding che come altra modalità ad esempio l’utilizzo del side-bed).
      Un slautone

      Risposta

Rispondi a Ilaria Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap