Acetone: di che si tratta? ✿

 acetone nei bambini

In età pediatrica, specie dai 4 anni in poi, è frequente la sindrome acetonica.

In questo periodo della vita il bambino incontra maggiori difficoltà nel mantenere costante il livello di glicemia.

In alcune situazioni di stress come il digiuno (per malesseri vari), o in occasione di elevato dispendio di energie (sforzi prolungati ma anche febbre elevata) ma soprattutto con la concomitanza di una dieta ricca di cibi molto grassi (fritti, abbondante cioccolato, junk food), ecco apparire una modificazione del metabolismo.

 

 

L’organismo, esaurite le scorte glucidiche (zuccheri), ricerca l’energia mediante la mobilizzazione dei grassi, che bruciando, producono nell’organismo i corpi chetonici: acetone, acido acetacetico, acido beta-idrossibutirrico.
L’accumulo di questi acidi nel sangue e nelle urine provoca quello che comunemente viene chiamato “acetone”, caratterizzato da un alito acre, dolce e pungente e da altri sintomi quali pallore, occhi cerchiati, nausea e vomito ed un generale senso di indolenza.

 

L’acetone, come sopracitato, è la reazione dell’organismo al calo di zuccheri, di conseguenza, la prima cosa da fare è somministrare al bambino acqua e zucchero, spremute o the zuccherati per ripristinare le scorte glucidiche.
E’ consigliabile evitare che il bambino, specie in caso di vomito, ingerisca cibi solidi e farmaci antiacetonici senza la consultazione del pediatra.

 

La cura migliore rimane una dieta adatta, costituita in prevalenza di passati di verdura, frutta cotta, spremute zuccherate o succhi di frutta, per poi essere integrata da pasta, riso, pane e patate.

Questi alimenti in grado di fornire energie con facilità e scarso impegno metabolico, consentono al bambino di recuperare in 2/3 giorni.
Nel caso il vomito persistesse, il pediatra prescriverà farmaci antiacetonici generalmente contenenti vitamina B.

 

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

 

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>