Ti racconto il mio parto… by Elisa ✿

nascita-ospedale @Stanotte mi sono svegliata con qualche leggero dolorino e ho perso il tappo mucoso.

Siamo a martedì, papà si è svegliato e gli ho chiesto di accompagnarmi a fare le analisi in ospedale perché preferisco non guidare, insieme abbiamo deciso di andare anche al pronto soccorso ostetrico per capire se le perdite di stanotte sono normali e capire a che punto siamo perché domani papà dovrebbe andare a Lucca per lavoro…

 

E’ ora di pranzo e sono a casa! In effetti stanotte ho perso il tappo mucoso.
Non sento dolore da contrazioni, ma sul tracciato qualcuna se ne vede.
Il collo dell’utero è raccorciato del 40%.
Il liquido amniotico ridotto.
Devo ripetere il tracciato oggi pomeriggio.
Lo ripeto e si continuano a vedere contrazioni, devo ripeterlo domattina.

 

Mercoledì, i doloretti iniziano a farsi più forti e più frequenti ma sono ancora sopportabili e irregolari. Papà ha deciso di non andare a Lucca ed è venuto con me in ospedale.
Oggi abbiamo messo la valigia in macchina.
Il tracciato conferma ancora contrazioni, il ginecologo mi visita e provoca (con una manovra decisamente dolorosa!) lo scollamento delle membrane…
Torniamo a casa, io mi metto sul divano con i cioccolatini e un cartone animato (inside out) alla TV, e papà va a lavoro.

 

E’ più o meno mezzogiorno e sono partiti i dolori, sento contrazioni forti e regolari ogni 3 minuti.
Lascio le chiavi nella porta, avviso telefonicamente Sara (una collega e amica) e papà che vado a fare una doccia…mi avevano detto che l’acqua calda mi avrebbe rilassato e i dolori sarebbero diminuiti…..
Chiamo papà , quando arriva cerchiamo di mangiare un piatto di pasta, ma ogni forchettata mi devo fermare, respirare, accovacciare per far passare la contrazione… andiamo in ospedale… ancora contrazioni sul tracciato ma non c’è dilatazione anche se il collo dell’utero è raccorciato del tutto.
 

Ci dicono di aspettare un paio d’ore in ospedale per vedere cosa succede… io e papà facciamo 1000km in tutti i corridoi …. mangiando cioccolata , bevendo acqua e appoggiandomi a tutti i muri e a papà ogni volta che sento dolore…. che si fa sempre più intenso…
Dopo 2 ore niente di nuovo…quei dolori non sono quelli che servono a dilatare!! Non ci posso credere!!!
Torniamo a casa…. faccio tante docce e papà mi sta vicino e mi fa massaggi ma il dolore torna puntuale ogni 3 minuti…
Dopo cena (solita pasta mangiata a mille riprese) torniamo in ospedale…. c’è solo una piccola dilatazione di 1 cm…. non ci posso credere!!!! Cmq… è mezzanotte e mi ricoverano, finalmente.

 

Siamo io e papà, soli in una stanza di ospedale, apro la valigia che era pronta da 2 mesi e mi preparo… spero tanto che da un momento all’altro arrivi qualche medico a visitarmi e dirmi di andare in sala parto….invece passa tutta la notte e non si vede nessuno, e quando chiedo alle infermiere dicono “è il primo, ci vuole pazienza”… penso che siano pazze perché x tutta la notte ho avuto contrazioni forti e regolari, cerco di muovere il bacino, papà mi ha massaggiato e abbracciato mille volte ma il dolore non si placa, provo a dormire ma ogni 2 minuti mi sveglio dolorante, ho sonno, e piango per il dolore e perché mi sembra di avere contrazioni da una vita…

 

 

SEGUE

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>