Temperatura Basale – T.B. ✿

controllo temperatura basale

Quando si cerca una gravidanza, diventa davvero molto importante riuscire ad individuare i giorni dell’ovulazione, soprattutto se non si ha un ciclo mestruale regolare.

 

Il corpo manda segnali ben precisi a riguardo ed uno di questi è la modificazione della temperatura corporea basale.

La temperatura basale è la temperatura del corpo che si registra in condizioni basali ossia al momento del risveglio, prima di svolgere qualsiasi attività.

La temperatura basale associata ad altre osservazioni può essere efficacemente usata come metodo contraccettivo o di ricerca di gravidanza o anche solo come parametro per conoscere meglio il proprio ciclo mestruale e, attraverso di esso, il proprio corpo.

 

Il responsabile del rialzo della temperatura basale è il progesterone, un ormone prodotto dal corpo luteo, ossia dal follicolo che ha rilasciato l’ovulo. Questo è l’ormone che domina la fase post ovulatoria del ciclo e che permette alle temperature di rimanere alte fino alla conclusione del ciclo o oltre, in caso di gravidanza.

 

La temperatura corporea basale si rileva con un termometro digitale perché occorre una particolare precisione nella rilevazione.

 

Accortezze per una misurazione precisa
Affinché il valore della T.B. sia valido, è necessario aver dormito almeno 4-5 ore di seguito, è bene prendere la temperatura sempre alla stessa ora con uno scarto di un’’ora/un’’ora e mezza.

 

Anche se molto spesso si preferisce prendere la temperatura per via orale, è invece consigliabile la via vaginale o rettale, poiché la bocca è più soggetta a variazioni termiche, legate anche al fatto che, durante il sonno, è possibile dormire a bocca aperta.

In caso si volesse cambiare metodo è necessario attendere la fine del ciclo perché la temperatura vaginale/rettale e orale sono differenti.

 

Tenere il termometro vicino al letto in modo da dover fare il minor movimento possibile per prenderlo appena sveglie.

Evitare di fare movimenti, bere, parlare, mangiare o fumare  prima di rilevare la temperatura basale. Nel caso siano inevitabili meglio non misurare oppure annotarsi le circostanze in cui è stata presa.

 

Nel caso si utilizzi una coperta riscaldante per tutta la notte tenerla alla stessa temperatura per tutto il ciclo. Se si utilizza solo nel momento in cui ci si corica non altera la temperatura basale.

Una volta effettuata la lettura della temperatura, questa andrà riportata giornalmente in un grafico che permetterà di individuare in quale giorno è avvenuta l’ovulazione e verificare se, effettivamente, è avvenuta.

 

Interpretazione del grafico

Dal grafico si dovrebbe constatare un andamento bifasico della temperatura che, nel periodo pre-ovulatorio si mantiene stabilmente bassa scendendo ulteriormente nell’ultimo giorno di questa fase, per risalire già il giorno successivo.
Se nei tre giorni successivi la TB continua ad essere in salita, l’ovulazione si può considerare avvenuta e la temperatura dovrebbe mantenersi alta durante i 14 giorni successivi a quello dell’ovulazione, cioè nel periodo post-ovulatorio, per poi scendere di nuovo con la comparsa delle mestruazioni.

 

Se la temperatura dovesse rimanere alta oltre il 14° giorno post-ovulatorio, potrebbe essere in corso una gravidanza.
E’ importante osservare l’andamento bifasico della temperatura.
Se questa non risulta netto e ben definito, potrebbe trattarsi di ciclo anovulatorio.
Inoltre, è importante tenere presente che sbalzi discontinui della temperatura possono indicare squilibri ormonali.

 

 

Potrebbero interessarti anche:

Maca: dalla Natura un aiuto alla fertilità

Cicogna e stile di vita: le buone abitudini che aiutano il concepimento

 

 

 

Le Mammole parlano nel forum di temperatura basale

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

2 Risposte a “Temperatura Basale – T.B. ✿”

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>