La sesta malattia ✿

sesta-malattia

Una volta superati i sei mesi di età, periodo in cui i piccoli sono ancora protetti dagli anticorpi materni, i bambini sono più soggetti a contrarre alcune malattie esantematiche.

 

Tra queste si annovera anche la sesta malattia, patologia di origine virale che non richiede cure antibiotiche.
I virus responsabili della sesta malattia sono di due differenti tipi, e quindi non è escluso che, nel corso della vita, la malattia possa essere contratta anche una seconda volta.

I piccoli maggiormente colpiti sono quelli in età compresa tra i 6 e i 24 mesi ma anche gli adulti possono trovarsi a fare i conti con l’esantema dopo aver contratto il virus attraverso la saliva espulsa dal paziente con starnuti, colpi di tosse, risate o anche semplicemente parlando.

 

 

 

 

La sesta malattia evolve in tre differenti fasi, ognuna delle quali si manifesta con una specifica sintomatologia.

La prima fase, quella dell’incubazione, ha una durata variabile tra i 5 e i 15 giorni, il piccolo paziente, se pur già contagiato, non manifesta ancora l’esantema.

 

Questa prima fase, detta pre-esantematica, si annuncia con un forte mal di gola che persiste per circa 3 giorni accompagnato da febbre alta, malessere generale, mal di testa, nausea, inappetenza e, a volte, ingrossamento dei linfonodi.

 

Solo nella seconda fase, detta esantematica, la scomparsa della febbre lascia improvvisamente il posto a minuscole papule e macchie rosse non più grandi di una capocchia di spillo e circondate da un alone chiaro. Molto spesso anche le macchie, se toccate, diventano biancastre.

L’esantema si diffonde rapidamente in tutto il corpo, privilegiando in particolar modo le zone delle mani, i piedi, il viso, il tronco e il collo.

 

Dopo circa un paio di giorni compare la terza fase e l’eruzione scompare senza lasciare alcuna traccia di sé sul corpo. Dolori articolari e muscolari, nervosismo e irritabilità sono altri sintomi evidenti nella terza fase della sesta malattia.

La diagnosi di questa malattia esantematica viene fatta in base alla semplice osservazione clinica e la terapia, che comunque deve sempre essere prescritta dal medico, si basa sulla somministrazione di farmaci antipiretici per contenere la febbre e su antichi ma ancora efficaci rimedi come impacchi e spugnature di acqua fredda, praticati sempre allo scopo di abbassare la temperatura corporea.

E’ consigliabile far bere molto il piccolo malato.

 

 

 

 

Fonti e aprofondimenti

A Population-Based Study of Primary Human Herpesvirus 6 Infection

 
forum approfondire segue

 

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>