Ti racconto il mio parto… By Silvia ✿

 

taglio_cordone

 

Eccomi qua a raccontare la nascita della mia pupattola!

 

E’ sabato sera (10 ottore) sono le 19 e inizio a preparare il sugo per la pasta.
Premetto che alle 14 del pomeriggio avevo fatto il monitoraggio e c’era calma piatta… ed ero già a 40 settimane più 4 giorni.

Inizio a tagliare la cipolla per il soffritto e sento un dolore al basso ventre che era diverso dai soliti dolori ma cerco di non farci caso; passano circa 7 minuti ed eccone un altro.

Non sono fortissimi ma cosi’ forti ancora non li avevo sentiti.

Dico a mio marito che ho dei dolori strani e subito lui mi dice di comunicare quando arriva l’altro dolore che cronometra: 5 minuti, eccone un altro.

 

 

 

Così fino alle ore 20.00 con dolori ogni 5/6 minuti; comunque io sono tranquilla, mentre lui inizia ad agitarsi e mi ripete in continuazione “andiamo in ospedale!”.
Riesco a cenare ma non ho molta fame; sono le 21.00, i dolori sono sempre ogni 5 minuti.

Visto che sono già 2 ore che sono regolari e sempre più forti, decidiamo di andare in clinica.

Usciamo di casa e troviamo il diluvio universale, in macchina non si vede a distanza di un metro per la pioggia. I dolori si ravvicinano a 4 minuti; dopo 40 minuti arriviamo in clinica, mi visitano: collo dell’utero completamente chiuso e testa della pupa alta, ma il monitoraggio da contrazioni regolari ogni 4 minuti e molto forti… io comunque ancora reggo bene il dolore…

 

Mi ricoverano comunque perché ho oltrepassato il termine  e le contrazioni sono regolari ormai da oltre 3 ore.
Mi cambio e mi metto a letto mentre mio marito sta sui divanetti fuori la stanza.
In camera con me c’era una signora che aveva fatto il cesareo la mattina ed era distrutta… soffriva con me!

I dolori si fanno sempre più forti mi alzo, esco in corridoio e cammino con mio marito, aiuto: sono sempre più forti! E’ l’una di notte, arriva l’ostetrica che mi visita: dilatazione a quasi 2 cm, bisogna aspettare…aiutoooooooooo!

Mi rimetto a letto e vedo se riesco a riposare;  macché, i dolori sono troppo forti. Mi lamento ad ogni contrazione pensando pure di fare piano (ma mio marito mi ha poi detto che mi si sentiva fino in corridoio… non me ne rendevo conto).

 

Sono le 4.30 del mattino; dal dolore inizio a vomitare.

Arriva l’ostetrica e mi dice che solo ora è partito il vero travaglio… non ci volevo credere. Mi accorgo di aver perso una parte del tappo mucoso; mi visita e alle 5.00 sono dilatata di 5 cm.

 

 

segue

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>