Ti Racconto il mio parto… by Sara ✿

parto in acqua @

 

La gravidanza è andata benissimo e i 9 mesi sono volati.

 

La data prevista per la tua nascita è il 15 di ottobre ma è ormai il 19 e tu ancora non vuoi saperne di nascere.
La mattina vado a fare il solito monitoraggio e c’è qualche contrazione, ma nulla di che.
Ritorno in ospedale dopo 2 giorni di prodromi ( e di insonnia) e mi dicono che sono dilatata di 3 cm e se voglio posso stare lì.
Preferisco proseguire il travaglio a casa, dondolandomi sulla palla e distraendomi tra una contrazione e l’altra ascoltando la musica.

 

Il dolore è forte ma sopportabile.

La sera del 21 ottobre le contrazioni si fanno sempre più forti e ravvicinate, ogni 3 minuti, quindi decidiamo di chiamare l’idroambulanza che ci porta in 15 minuti all’Ospedale.
Giorgia, la mia ostetrica, mi dice che sono dilatata di 6 cm e mi aiuta a proseguire il travaglio in acqua, come da mia richiesta.

 

banner1

 

 

Il calore subito mi rilassa e mi fa a sopportare meglio il dolore.

Sono concentrata sulla respirazione e non mi accorgo del tempo che passa o di quello che succede fuori… Finalmente sento il bisogno di spingere.
Giorgia mi aiuta ad uscire dalla vasca e mi dice di sistemarmi nella posizione in cui riesco a spingere meglio.

Incredibilmente mi sento a mio agio distesa su un fianco.

 

Credevo che avrei partorito in ginocchio e invece vuoi la stanchezza, vuoi il fatto che voglio vedere la faccia del tuo papà appena ti vede, mi giro su un lato.
Il tuo papà e Giorgia già intravvedono la tua testolina e così dopo 3 forti spinte alle 5.16 ti sento sgusciare fuori e finalmente ti posso conoscere e stringere a me.

 

Sei così bella e perfetta, Agnese, e ora che sei tra le mie braccia sono la persona più felice del mondo.

 

Mamma Sara

 

 

Disclaimer:

I dettagli sui nomi degli ospedali o dei professionisti, vengono omessi o modificati dalla redazione per evitare ogni relazione con gli specifici punti nascita.

I contenuti scelti sono tratti dai raccolti nel forum di Mammole o pervengono direttamente dalle mamme alla redazione – segreteria[at]mammole.it

La pubblicazione viene rilanciata su tutta la rete del network, che è costituita da centinaia di pagine FB dei vari ospedali locali. I racconti non possono essere pertanto riconducibili a nessun luogo di nascita preciso, la pubblicazione sulla pagina del singolo reparto non lo identifica come un evento avvenuto nella specifica struttura.

 

 

 

scrivi-tuo-racconto-parto

 

racconti-parto-banner

 

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>