Progetto PR.I.U.S, prevenzione ustioni bambini ✿

prius
Il ricercatore dell’Istituto Superiore della Sanità Alessio Pitidis ha commentato in maniera molto positiva i primi risultati relativi al progetto PR.I.U.S., ideato dall’ISS nel 2011 grazie al sostegno del Ministero della Salute e alle Collaborazioni con la Società Italiana Ustioni e la Onlus SPES Speranza.
Il progetto PR.I.U.S. (“PRevenzione degli Incidenti da Ustione in età Scolastica”) pone come obiettivo la diminuzione degli incidenti da ustione nei bambini, aumentando la conoscenza dei pericoli da parte di docenti, studenti e genitori.

 

In progetto prevede la diffusione di informazioni relative ai principali fattori di rischio, ai comportamenti da seguire per evitare gli incidenti e agli accorgimenti da seguire nel caso in cui l’incidente sia avvenuto, per evitare che si verifichino conseguenze più gravi.
Il progetto è stato portato avanti in via sperimentale in nove istituti scolastici appartenenti ad otto città, ben distribuite all’interno del territorio nazionale (Torino, Milano, Verona e Padova al nord, Roma al centro, Napoli, Brindisi e Palermo al sud) e ha coinvolto complessivamente 370 bambini di età compresa tra i 3 e i 9 anni.

 

Il kit preparato per il progetto consiste in album da colorare per i bambini più piccoli, poster da appendere in classe, opuscoli informativi per genitori, docenti e bambini della scuola primaria, in cui vengono descritte le principali fonti di pericolo da ustione, i comportamenti da seguire per evitare incidenti e le norme basilari di primo soccorso nel caso in cui l’incidente sia già avvenuto.
La valutazione dei risultati è stata effettuata verificando la conoscenza dei concetti prima e dopo l’intervento, utilizzando schede valutative differenziate per bambini (ulteriormente differenziate in base all’età), genitori e docenti; ai bambini della scuola primaria sono state proposte schede valutative illustrate mentre alle altre categorie di soggetti interessati sono stati somministrati dei questionari.

 

I risultati incoraggianti ottenuti nelle scuole dove è stato introdotto in via sperimentale il progetto PR.I.U.S. potrebbero convincere le istituzioni ad estendere il progetto su scala nazionale o quantomeno ad aumentare il campione di scuole coinvolte.
Alessio Pitidis ha sottolineato come il kit predisposto abbia aumentato le percentuali di riconoscimento del pericolo dal 73 al 98% nei bambini della scuola dell’infanzia (in 36 fonti di pericolo su 41), e come i bambini della scuola primaria abbiano acquisito le conoscenze basilari per gestire nel migliore dei modi un incidente già avvenuto.

 

Analizzando i dati ricavati dalle rilevazioni di pronto soccorso nel periodo compreso tra il 2007 e il 2009 si evince che l’1% dei decessi dei bambini è causato da ustioni e che il 70% degli incidenti che avvengono in casa sono costituiti da incidenti da ustione (il 16% dei decessi in età pediatrica dovuti ad incidenti in casa derivano da incidenti da ustione).
A rischio soprattutto i bambini di età inferiore a 4 anni, che a fronte di una notevole mobilità non hanno ancora sviluppato appieno la capacità di riconoscere i pericoli.

 

 

Risorse del progetto:

 

 

 

banner-altri-articoli-approfondimenti

 

forum approfondire segue

 

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>