Bambini: i nuovi parametri di crescita ✿

bambino seduto

 

Fin dalla nascita (ma anche prima), i parametri di crescita dei bimbi, costituiscono un aspetto di fondamentale importanza per valutare la salute dei neonati stessi e per diagnosticare precocemente, addirittura nel grembo materno, situazioni di deficit fisico.

 

Questi importanti parametri, però, sono stati ultimamente sottoposti ad una importante rivisitazione, destinata a mutarli del tutto: e ciò grazie ad uno studio, il “Ventunesimo Intergrowth Project”, destinato ad integrare le linee dell’Organizzazione Mondiale della Salute in tema di peso, altezza e misura di sviluppo di feti, bambini nati prematuri o nati al termine previsto.

 

 

 

Il grande studio è stato condotto dai ricercatori dell’Università di Oxford su oltre 60 mila donne incinte provenienti da otto diversi paesi (Italia, Kenya, Cina, India, Brasile, Stati Uniti, Oman e Regno Unito) e su 20mila neonati, ed è stato interamente finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation.
Tutte le donne prescelte erano in stato di buona salute e senza malattie croniche o comportamenti che potessero qualificarsi come un rischio per il nascituro.

 

I ricercatori hanno monitorato le gravidanze delle donne ogni cinque settimane a partire dalla quattordicesima settimana di gestazione; nel frattempo, gli oltre ventimila bambini che partecipavano al progetto (tutti nati fra la 33° e la 42° settimana di gravidanza) sono stati oggetto delle misurazioni.
Una volta ottenuti i nuovi parametri percentili, i ricercatori hanno sostenuto che essi rappresentano un “modello auspicabile” per la crescita di ogni bambino, indipendentemente dal paese di nascita.

Le nuove curve di crescita sostituiranno quelle in vigore in ogni paese del mondo (attualmente ve ne erano più di cento diverse); infatti lo studio ha dimostrato che le differenze di etnia o nazionalità non influiscono sulle misure della crescita dei bambini, qualora la madre goda di buona salute e non siano presenti malattie genetiche o ereditarie a carico del feto.

 

Il nuovo modello andrà finalmente ad uniformare un fenomeno assai variegato e complesso a livello internazionale, ponendo fine a dubbi e a diverse interpretazioni delle curve proposte dall’OMS.
Stimando che oltre 120 milioni di bambini nascono ogni anno nel mondo, proseguono i ricercatori del team di Oxford, finalmente sarà possibile valutare il loro corretto stato di crescita facendo riferimento a parametri obiettivi e certificati, e diagnosticando così in tempo tutte le possibili situazioni di sottopeso o sovrappeso, evitando in questo modo le pesanti ripercussioni che queste condizioni hanno sulla vita e sulla salute dei bambini.

I risultati dell’Intergrowth-21st Project, sia quello riguardo allo sviluppo dei feti che quello inerente ai parametri di sviluppo di neonati e bimbi, sono stati pubblicati negli articoli della prestigiosa rivista scientifica “Lancet”.

 

 

Fonti bibliografiche:

The Lancet – International standards for newborn weight, length, and head circumference by gestational age and sex: the Newborn Cross-Sectional Study of the INTERGROWTH-21st Project

 

 

Vai al nostro calcolatore della crescita da 0 a 36 mesi

 

 

banner-altri-articoli-approfondimenti

 

forum approfondire segue

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>