Il latte materno può salvare moltissime vite ✿

mother breastfeeding her baby girl

 

Negli ultimi decenni, sull’importanza del latte materno si sono espressi numerosi medici, ricercatori e scienziati, tutti concordi nel ribadire le straordinarie virtù di un latte non riproducibile in laboratorio, dunque insostituibile, proprio come insostituibili sono secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità i benefici che derivano dal suo utilizzo.

 

 l’allattamento al seno materno, da solo, potrebbe contribuire a salvare circa 800.000  vite l’anno.

Questo è la conclusione di una recente ricerca, finanziata anche dalla fondazione di Bill e Melinda Gates e dalla Wellcome Trust britannica.

Grazie alle sue straordinarie virtù, infatti, il latte materno sarebbe coinvolto nella cura e nelle regressione delle patologie più impensabili, apparentemente non collegate in alcun modo al suo utilizzo: è questo per esempio il caso dei tumori alla mammella, che potrebbero ridursi di ben 20.000 casi.

 

banner1

 

 

Il latte materno è ricchissimo di sostanze nutrienti la cui finalità principale è quella di favorire una crescita sana del bambino, preservandone la salute.

Nei neonati prematuri, poi, l’utilizzo del latte materno è fondamentale poiché consente di ridurre in maniera considerevole il rischio di sviluppare malattie potenzialmente molto rischiose.

Ma non finisce qui, perché – come sostengono tutti gli studi scientifici condotti in merito – l’allattamento al seno rafforza il legame tra mamma e bimbo, favorendo la nascita di una vera e propria simbiosi sana.

 

Tutti quanti questi effetti positivi derivanti dall’utilizzo del latte materno sono stati confermati e rafforzati dallo studio svolto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Pelotas (Brasile), coordinato dal dottor Cesar Victora e pubblicato lo scorso 29 gennaio 2016 sulla rivista scientifica internazionale “The Lancet”.

Prendendo in considerazione un campione formato da migliaia di donne provenienti da ben 164 Paesi e dai loro figli, lo studio brasiliano afferma che un’alimentazione a base di latte materno da prolungare almeno per i primi sei mesi di vita del neonato (come raccomandato dall’OMS) potrebbe evitare addirittura 800.000 decessi ogni anno.

Si tratta dunque di un problema di politica sanitaria che coinvolge non solo i Paesi industrializzati, dove nell’ultimo decennio sempre più donne preferiscono evitare l’allattamento al seno, ma anche i Paesi in via di sviluppo, dove l’incidenza di alcune malattie (per esempio quelle infettive) è maggiore.

 

Secondo il dottor Victora, infatti, è sbagliato pensare che i benefici dell’allattamento al seno debbano riguardare solo le nazioni più povere.

“Il nostro studio” dichiara l’esperto “dimostra in modo chiaro che l’allattamento materno salva migliaia di vite sia nei paesi ricchi che in quelli poveri”.

Obiettivo dichiarato dell’OMS è quello di far sì che entro il 2025 il numero di bambini allattati al seno raddoppi. Perché ciò accada, tuttavia, è necessaria un’informazione massiccia e mirata, ma c’è bisogno anche di politiche sociali apertamente schierate a favore della maternità, che per esempio permettano a tutte le donne di godere di un congedo di maternità di sei mesi.

 

 

 

Fonte bibliografica

The Lancet – Breastfeeding

 

 

 

banner-fb-allattamento

 

il più grande gruppo di mamme per l'allattamento

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>