La maternità dopo i 40 anni ✿

Newborn baby with motherL’aumento della durata della vita ed i grandi cambiamenti socio economici dell’ultimo secolo hanno inciso fortemente sui tempi della maternità. Diventare madre per la prima volta dopo i trenta anni è diventato la regola, specialmente in Italia, stando agli ultimi dati Istat.

 

Ma molte donne oggi scelgono di aspettare ancora di più, arrivando a partorire oltre i quarant’anni. La maggior parte delle donne motivano la scelta con l’attesa di maggior stabilità economica, sociale o sentimentale.   Il pregiudizio nei confronti della donna in carriera è stato semplicemente sostituito dalla necessità di due stipendi per tirare avanti la famiglia. L’attesa di condizioni economiche favorevoli quindi non scandalizza più nessuno. Ma esistono reali controindicazioni mediche alla gravidanza matura? Effettivamente no.

 

 

 

 

Con gli anni il corpo cambia. A quarant’anni molti organi iniziano a manifestare evidenti segni di usura ed invecchiamento. Dal punto di vista riproduttivo questo comporta una riduzione della fertilità. Il concepimento diventa più difficile da raggiungere, ma la maggior parte delle coppie, in assenza di patologie specifiche, riesce ad arrivare all’obbiettivo semplicemente impiegando più tempo.
 

Anche gli ovuli si sviluppano con maggiore difficoltà ed aumentano i rischi di mutazioni genetiche e malformazioni fetali. In questo caso all’invecchiamento si sovrappongono gli effetti di un maggior periodo di esposizione a sostanze potenzialmente mutagene. Tuttavia le possibilità di avere un bambino sano sono ancora superiori al novanta per cento.
Il corpo di una donna di quarant’anni è meno agile e flessuoso di quello di una ventenne, ma ciò non le impedisce di affrontare con successo e senza eccessivo disagio i nove mesi di gestazione.

 

Se da un lato aumentano le possibilità di sviluppare diabete ed ipertensione, dall’altro c’è l’effetto degli ormoni della gravidanza che aiutano le mamme di ogni età a sfruttare al meglio le risorse del proprio corpo in questo momento particolare.
C’è da sottolineare il fatto che le modificazioni che avvengono nel corso di una gravidanza sono un automatismo naturale e che il corpo femminile è “programmato” per affrontarle fino al limite fisiologico della menopausa.

 

La maternità a quarant’anni è una esperienza più profonda e consapevole ed il maggior impegno fisico è di solito compensato da una maggior maturità intellettuale e psicologica. Uno stile di vita sano ed equilibrato è sufficiente a compensare le ridotte capacità metaboliche evitando le potenziali influenze negative che l’accumulo di cataboliti e tossine possono avere sullo sviluppo fetale.
Gli ormoni prodotti dalla placenta e dal feto risvegliano le grandi potenzialità adattative femminili ed il legame che si viene a creare col nascituro genera tutta l’energia necessaria ad una mamma, indipendentemente dall’età anagrafica.

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on Twitter0Email this to someone

6 Risposte a “La maternità dopo i 40 anni ✿”

  1. glenda

    Salve. Ma, per quanto riguarda il rischio più elevato di malformazioni del feto, è sufficiente una amniocentasi? Se c’è qualsiasi tipo di rischio che il bambino non sia normale, si vede sempre? Non sapevo del rischio diabete o ipertensione nella mamma. Potrei avere più informazioni gentilmente? Grazie e complimenti

    Rispondi

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>