Meglio allontanarsi dall’inquinamento se si è in gravidanza ✿

Plica nucale ecografia

 

Che l’inquinamento provochi danni alla salute si sa, ma recenti studi hanno dimostrato che può essere ancora più dannoso per le donne in gravidanza e e per il piccolo che portano in grembo e, pertanto, sarebbe meglio allontanarsi dai luoghi particolarmente inquinati durante il periodo della gravidanza, sopratutto nei primi tre mesi.

 

E’ stato scoperto che vivendo in ambienti inquinati il rischio di sviluppare infiammazioni intrauterine è molto più alto.

Ma cosa comportano queste infiammazioni? Esse potrebbero portare la donna ad avere un parto prematuro ma anche causare nel neonato patologie e disturbi di tipo neurologico e respiratorio.

 

 

banner1
Lo studio è stato condotto da un team di pediatri e specialisti in epidemiologia provenienti dagli Stati Uniti e dalla Cina, che si sono preoccupati di analizzare le conseguenze delle PM2.5, ovvero delle polveri sottili.

Lo studio è stato condotto sul benessere e sullo stato di salute di oltre 5 mila coppie di mamme e bambini della zona di Boston. Le PM2,5 già da tempo vengono collegate a malattie di tipo respiratorio e cardiovascolare in persone di tutte le età. Esse sono in sostanza le polveri sottili che vengono emesse nell’ambiente da automobili e veicoli in generale, dalle industrie e dal riscaldamento di aziende e case. Tali polveri provenienti dall’ambiente vengono respirate con facilità e raggiungono i polmoni, penetrando in profondità e causando danni.

 

I dati si sono basati su alcune specifiche metodologie di ricerca e hanno dimostrato che la gran parte delle neo mamme che avevano partecipato alla ricerca era stata esposta ad una quantità di PM2.5 inferiore rispetto a quello che l’Agenzia per la protezione dell’ambiente ritiene accettabile, mentre un gruppo di circa 1.500 mamme (intorno al 30% del totale) ha respirato a lungo in ambienti in cui l’inquinamento atmosferico era uguale e spesso superava quello ritenuto accettabile dall’ente sopracitato.

Proprio in queste mamme, maggiormente esposte al pericoloso inquinamento, è stata notata una probabilità di infiammazione intrauterina doppia rispetto alle altre mamme. I primi tre mesi di gravidanza sono il periodo più pericoloso per contrarre l’infiammazione, quindi anche il più delicato, in cui le tutele devono essere maggiori.

 

Questi studi hanno messo in evidenza come non solo gli alti livelli di inquinamento provochino danni alla salute delle persone, in particolare a quella delle donne in stato interessante, ma anche che bassi livelli di inquinamento possono portare disturbi e contribuire allo sviluppo di vere e proprie patologie sia nella gestante che nel piccolo, ancora prima che questi venga al mondo. Studi più approfonditi potrebbero essere portati avanti studiando la placenta, un elemento che potrebbe mostrare ciò che accade al bimbo nel primissimo periodo della sua vita e fornire informazioni sull’ambiente nel quale la madre e il piccolo hanno vissuto la gravidanza.

 

 

Fonte Bibliografica

Intrauterine Inflammation and Maternal Exposure to Ambient PM2.5 durin Preconception and Specific Period of Pregnancy: The Boston Birth Cohort

 

 

 

banner-altri-articoli-approfondimenti

 

forum approfondire segue

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>