Obesità e diabete iniziano nel pancione ✿

alimentazione per la gestante

Che tra alimentazione materna e sviluppo del feto vi sia un’importante correlazione, è noto ormai da tempo: sono già una ventina d’anni che la scienza ufficiale studia l’influsso e gli effetti della dieta della futura mamma sul nascituro.

Grazie alla decodifica del genoma umano, tutte le informazioni emerse hanno avvalorato dei dati precisi, non sono solo semplici supposizioni.

 

Di recente una certezza  è che obesità e diabete si possono prevenire già in epoca fetale.

Le ricerche sono state fatte nell’ambito della prevenzione delle NCCd (acronimo che sta per “Non Communicable Chronic Diseases”) ossia malattie come appunto l’obesità, sempre più diffusa nella società contemporanea, ma anche la sindrome metabolica, svariate patologie cardiovascolari, ipertensione e dislipidemie.

Si tratta di patologie spesso invalidanti, che pesano sull’individuo sia umanamente che socialmente, anche perché curarsi prevede costi non indifferenti, che il Servizio Sanitario Nazionale non sempre copre e che in molti da soli non riescono a sostenere.

 

 

A quanto emerge da recenti ricerche, la prevenzione di tali malattie non passerebbe dai presunti vantaggi di un allungamento del periodo dell’allattamento al seno, né da accorgimenti spesso inutili come il ritardare l’inserimento di alimenti solidi nella dieta del piccolo.

Al contrario, una maggiore probabilità che il bambino non sviluppi nessuna delle malattie precedentemente citate deriverebbe dalle modificazioni epigenetiche alle quali subite dal feto conseguentemente agli stili di vita e alle abitudini alimentari della donna incinta.

 

Tra gli studi più interessanti riguardanti tale rapporto è d’obbligo citare il dottor Robert Sapolski, neurobiologo e ricercatore presso la Stanford University, il quale, analizzando gli effetti che lo stress della futura mamma aveva sul feto, ha contribuito indirettamente a confermare che tra feto e mamma si instaura una comunicazione ininterrotta cui partecipano attivamente sia alcuni ormoni (tiroidei, glucocorticoidi, insulina, GH, ecc.) sia svariate sostanze nutritive (per esempio proteine/aminoacidi essenziali, lipidi, oligoelementi, ecc., il cui apporto varia molto nel corso dei dove mesi.

Uno studio del 1999 il “Dutch Famine Study”, aveva inoltre dimostrato come i bambini nati in tempi di carestia – ovvero quando la dieta alimentare si componeva di un apporto proteico inferiore all’8% delle calorie totali ingerite – da adulti tendevano quasi sempre all’obesità o ad altre malattie metaboliche che non di rado si trasmettevano di generazione in generazione, indipendentemente dall’alimentazione degli eredi.

Si può dunque parlare di una vera e propria “programmazione metabolica” del feto, il quale, quando è ancora nell’utero, apprende informazioni importanti su quello che avverrà fuori, cominciando così a regolarsi di conseguenza, ovvero ad auto-programmarsi.

 

 

Fonte Scientifica Primaria

Maternal nutritional manipulations program adipose tissue dysfunction in offspring

 

forum approfondire segue

 
Diritto d’autore: gajus / 123RF Archivio Fotografico

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>