Lista utenti taggati

    Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    Via Castelvetro 32 - 20154 Milano
    Telefono: 02/57991 (centralino) - (segreteria Ostetricia) 02/57995369
    sito web: BUZZI - ICP.MI.IT
    eMail: enrico.ferrazzi@icp.mi.it (direttore)

    Informazioni Generali:

    Pronto soccorso ostetrico: accettazione Ostetrico Ginecologica 24 h/24
    Reparto TIN (terapia intensiva neonatale): si e pronto soccorso pediatrico. Neonatologia di terzo livello.
    Emergenze in grado di affrontare: prematurità <32 settimane, ritardi di crescita fetale per patologie placentari
    Camera singola: 24 camere doppie con bagno con doccia
    Orari di visita: 16-18 (e dalle 10 alle 12 solo la domenica)

    Preparazione al parto:

    Corso preparto: si, a pagamento (costo 66€ con impegnativa ma dipende dal corso - prenotarsi per tempo). Tel. 02/57995361 (lun-ven: 9.30 - 12.30). Corso di psico profilassi ostetrica (RAT, training autogeno respiratorio, 7 incontri più 1 post partum) - prevenzione primaria e secondaria della depressione pueperale: Cinque incontri teorici al mese con le coppie sulle dinamiche emotive della maternità, della paternità e del primo sviluppo psicofisico del neonato. Attività psicoterapeutica ambulatoriale alla donna e/o coppia in gravidanza e in puerperio di fronte a situazioni problematiche. Riunioni di puerperio 4 volte alla settimana con il neonatologo e l’ostetrica. Corso di Stretching Ostetrico (130€, 7 incontri di cui 2 aperti al partner più 1 post). Corso di accompagnamento al parto in lingua cinese.
    Richiesta di esami medici per il padre che vuole assistere al parto: no

    Travaglio e Parto:

    Possibilità di assumere la posizione che si vuole durante il travaglio: si (anche con monitoraggio)
    Attrezzature previste nel caso, oltre al letto: dondolo
    Possibilità di assumere la posizione che si vuole durante il parto:
    Un'unica stanza travaglio/parto (piuttosto che di due stanze separate): si, durante il travaglio puo' essere presente il padre o una persona cara a scelta della partoriente. Il neonato viene accudito nella stessa sala e rimane con la mamma per le due ore successive al parto. Le sale sono con bagno con doccia.
    Numero delle sale parto: 6 sale di travaglio e parto, 1 sala operatoria ostetrica, 1 sala di rianimazione neonatale.
    Parto in acqua: si
    Quante e che tipo di vasche: 1
    Epidurale: si, gratuita. Per informazioni sulla possibilità di parto in analgesia con epidurale (prenotazione colloquio) tel. 02/57995113
    Presenza del padre in sala parto: si
    Presenza del padre nel caso di parto cesareo: no ma possibilita' di assistere in una stanza attigua.
    Epoca gestazionale di induzione del parto: 41+3
    Possibilità di effettuare il taglio cesareo "dolce" o con il metodo stark:
    Possibilita' di donare il cordone ombelicale: si (a pagamento)
    Taglio ritardato del cordone ombelicale: sì
    Possibilita' di effettuare il travaglio di prova per le mamme precesareizzate: si, nel 2010 si e' registrato il 78% di successi.

    Degenza:

    Rooming-in: si.
    Nido: si. La mamma può accedere al nido 24 ore su 24 o scegliere di tenere il bambino sano
    accanto a sè in camera.
    Presenza del padre in stanza: si
    Giorni di degenza: 48 ore nel caso di parto naturale
    Possibilità di essere assistite durante le prime cure al bambino: si, anche telefonicamente dopo le dimissioni.
    Utilizzo del ciuccio in reparto per prassi: no
    L'ospedale fornisce:
    -per il neonato: pannolini
    -per la mamma:
    Da portare in valigia:
    -per il neonato: body e tutine, asciugamano, copertina
    -per la mamma: pigiama e/o camicia da notte, vestaglia, pantofole, spazzolino da denti e dentifricio, pettine, sapone, asciugamani e biancheria personale, assorbenti post-parto.
    -documenti: Carta d’identità, tessera sanitaria con codice fiscale o carta regionale dei servizi. Esami della gravidanza.

    Voto Natural:

    Attaccamento del bambino al seno: subito dopo la nascita
    Percentuale tagli cesarei: 22.1% al 2010
    Percentuale di episiotomie e di uso dell'ossitocina per stimolare le contrazioni: induzione delle gravidanze oltre termine con farmaci differenziati - misoprostolo e dinoprostone - in funzione delle indicazioni, con riduzione delle amnioressi nelle induzioni oltre termine.

    Osservazioni:

    All’Ospedale dei Bambini di Milano Vittore Buzzi c’è un Centro di Diagnosi Prenatale e Chirurgia Fetale che si occupa di tutti quelle gravidanze che hanno bisogno di essere monitorate e seguite con un’attenzione particolare.

    http://www.icp.mi.it/c/document_libr...=DLFE-3411.pdf


    Ringraziamo la mammola etourdit per l'aggiornamento della scheda.

    Per qualsiasi comunicazione su variazioni/aggiornamenti della scheda mandate un messaggio privato a star_shining




    Dove si trova Orione? Con che fa rima? Mi si e' infiltrito il cachmere (ops, non andava messo in lavatrice?)! Fimo?!? Fiuuuuuuuuuuuuu! Fortuna che su Mammole c'è la sezione cultura (chiedimi dove!)
    Ultima modifica di star_shining; 06-02-13 alle 13:59

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    Il 32,7% delle pazienti che hanno partorito per via naturale hanno richiesto e ottenuto l’analgesia peridurale in travaglio, e solo un 3% delle richieste non ha potuto essere accolta

    Ostetricia e ginecologia. Ospedale V. Buzzi. Bilancio consuntivo 2010

    Ultima modifica di *Gabriellaxyz*; 12-08-11 alle 14:04

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    giovedì 29 settembre 2011

    Con il gas esilarante il bebè si fa ridendo
    Sperimentazione in un ospedale di Milano



    Urla durante il parto? Meglio una bella risata tra un respiro e l’altro. D’ora in avanti la vita diventerà più facile per le mamme. Partoriranno con il sorriso sulle labbra, nel vero senso della parola e reagiranno meglio ai «forza, signora spinga» delle ostetriche.

    All’ospedale Buzzi di Milano arriva una novità: il protossido di azoto, meglio noto come gas esilarante. Da luglio è stato utilizzato in via sperimentale e sembra funzionare.

    Il «gas delle risate» è in grado di ridurre il dolore nelle partorienti fino al 50 per cento. Quasi meglio di un’epidurale.

    A promuoverne l’utilizzo è Ida Salvo, responsabile del reparto di Anestesia, rianimazione e terapia intensiva pediatrica dell’ospedale milanese dei bambini. Lei di bebè ne ha visti nascere a centinaia e sa bene cosa voglia dire per le mamme contorcersi per le contrazioni e i dolori.
    «Il protossido di azoto è un farmaco antico, già usato dai dentisti nell’Ottocento - spiega la Salvo - e assolutamente sicuro, che si assume per inalazione e viene eliminato con il respiro, senza alcun effetto per fegato e reni». Sostanzialmente le partorienti, dopo una breve spiegazione, respirano da una particolare mascherina il gas mischiato a ossigeno a seconda della necessità quando arriva la contrazione e smettono quando passa.

    «Si tratta di un analgesico lieve - continua Salvo - che riduce il dolore del parto del 40-50 per cento e che potrebbe evitare altre anestesie. Considerando che solo il 19% degli ospedali italiani offre l’epidurale, questa può essere una valida ed economica alternativa per le partorienti e gli ospedali, visto che non necessita dalla presenza di un anestesista, ma basta solo formare ostetrici e ginecologi. Si può usare anche nei casi in cui l’anestesia è sconsigliata, o dopo il parto, quando si mettono i punti». Tra l’altro, durante la sperimentazione si è visto che il 20 per cento delle donne che hanno respirato il protossido d’azoto, dopo non hanno più voluto l’anestesia peridurale. Quindi il gas ha un duplice vantaggio: non è invasivo e costa poco. E quest’ultimo aspetto non è di poco conto se si pensa che gli ospedali sono chiamati a mettere a posto i loro bilanci e a tagliare le spese, a cominciare da quelle per i farmaci, per far fronte alla manovra finanziaria.

    Il gas esilarante già da qualche tempo è usato a questo scopo negli Stati Uniti e Regno Unito. In Italia è usato solo nelle sale operatorie ma non fuori, per evitare tossicità da esposizione cronica negli operatori sanitari. Ma con la sperimentazione di questa doppia mascherina e un particolare sistema di aspirazione del gas, si è visto che non vi è alcun inquinamento ambientale, e dunque nessun rischio per gli operatori.

    Gli effetti collaterali per le mamme? Una sonora risata, una strana euforia e un lieve stato di confusione. Qualcuno parla anche di un blando effetto afrodisiaco. Insomma, conseguenze su cui la maggior parte delle donne metterebbe la firma, soprattutto dopo travagli di ore e dolori lancinanti. Non c’è nulla di meglio che accogliere il proprio bambino con il sorriso. E anche per i papà che assistono alla fatica del parto tutto sarà un po’ più facile, esilarante di sicuro.


    http://www.ilgiornale.it/interni/il_parto_e_gioco_gas_esilarante_bebe_si_fa_ridendo/29-09-2011/articolo-id=548722-page=0-comments=1

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    Ciao a tutte. Avrei bisogno di alcune informazioni sui corsi preparto che si tengono all'Ospedale Buzzi. Questa mattina ho telefonato per prenotare e mi hanno spiegato che esistono 2 tipi di corsi:

    - uno convenzionati con il SSN che viene tenuto da psicologi dove si spiegano tecniche di training autogeno e rilassamento (mi hanno messa in lista d'attesa)

    - uno di stretching a pagamento (costa 130€) tenuto dalle ostetriche

    Qualcuna di voi ha fatto questi corsi? quale mi consiglia? io sarei più orientata verso quello con le ostetriche.

    Oltre a questi mi hanno spiegato che ci sono 5 incontri con i papà liberi e accessibili a tutti, indipendentemente dal fatto di essere iscritti a uno dei due corsi.

    Infine ogni primo sabato del mese fanno un incontro per far conoscere l'ospedale.

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    Ciao Tartalu,
    ho partotito al Buzzi esattamente un anno fa e mi sono trovata molto bene.
    Io ho seguito il corso passato dal SSN con la psicologa e devo dire che era abbastanza carino ma altre mamme che li facevano entrambi mi hanno detto che era meglio quello di stretching tenuto dalle ostetriche e penso proprio che al prossimo figlio (spero presto ) farò quello.
    Gli incontri liberi aperti anche ai papà te li consiglio vivamente, a me sono piaciuti molto.
    Per qualsisi info sul Buzzi sono qui... Io mi sono trovata davvero molto molto bene.

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    adrirebi01 approfitto della tua disponibilità per farti un'altra domanda: ho prenotato la visita con l'anestesista per l'epidurale e mi sono dimenticata di chiedere se occorre l'impegnativa del medico. Tu ti ricordi se l'hai portata?

    Grazie ancora

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    uhm che questo dettaglio non lo ricordo.... mi sembra di si ma non ne sono certa....
    sorry

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    Ho partorito anche io al Buzzi (purtroppo, non mi sono trovata molto bene). Il certificato non serve!!

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    ciao ragazze io ho prenotato tn e morfologica al buzzi e stavo riflettendo se partorire lì, sapete se c'è la tin neonatale? grazie mille

    papà proteggi il mio moscerino

    Re: Info Ospedale dei bambini V. Buzzi di Milano

    Ciao, si la TIN c'è.

    Se ti può interessare ogni primo sabato del mese fanno un incontro aperto a tutte le persone che hanno intenzione di partorire al Buzzi per far conoscere l'ospedale. Domani mattina infatti ci sarà l'incontro di dicembre. Inizia alle 9.30 e si tiene in Aula Magna.

    Ultima modifica di Tartalalu; 02-12-11 alle 12:18

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •