Salviettine detergenti per bambini: possono causare dermatiti ✿

cambio pannolino

Attenzione alle salviettine detergenti per neonati.

 

Possono infatti provocare fastidiose dermatiti nei bambini predisposti e successive complicazioni.

Sotto la lente d’ingrandimento dei ricercatori della Skin and Cancer Foundation, stando a uno studio pubblicato dall’autorevole Medical Journal of Australia, c’è una particolare sostanza: il metilisotiazolinone.

 

Conosciuto anche come MI o MIT, il composto chimico può dar luogo a dermatiti da contatto, secondo quanto osservato da un team formato da tre dermatologi.

La scoperta non è di poco conto, visto il largo ricorso al metilisotiazolinone da parte dell’intera industria cosmetica. La sostanza è un conservante, impiegato in vari prodotti fin dai primi anni del decennio passato, con caratteristiche di potente disinfettante.

Sui soggetti predisposti, in particolare sui lattanti, l’impiego di prodotti che lo contengono – a cominciare dalle comode salviettine usate ben più di una volta durante la giornata – può scatenare reazioni allergiche, quasi sempre caratterizzate da dermatiti.

 

I ricercatori australiani hanno osservato una notevole presenza di metilisotiazolinone in un conservante, il Kathon CG della Dow Chemical Company.

Conferme allo studio provengono dalla stessa Australia, dove il Medical Observer ha intervistato la professoressa Rosemary Nixon e la dottoressa Jennifer Cahill, coautrici dello studio.

Le due ricercatrici hanno riferito che il test è scaturito dall’osservazione di dati provenienti dall’Europa che segnalavano un incremento dei casi di allergie.

Dermatiti, hanno spiegato, che hanno colpito anche le mani dei genitori che impiegano le salviettine detergenti.

 

Più difficile è l’osservazione di eventuali reazioni cutanee nell’inguine dei bambini, poiché possono essere scambiate per l’effetto del pannolino.

Di fatto, la professoressa Nixon parla di “epidemia”.

Seppur presente in numerosi prodotti, il metilisotiazolinone si trova nelle concentrazioni maggiori, proprio nelle salviettine umidificate usa e getta.

A rischio dermatite sono di conseguenza i più piccoli, o piccolissimi, giacché la sostanza è presente in quantità minori in altri prodotti.

 

Altri studi sono intanto stati condotti, con risultati del tutto simili, come si evince da quanto riportato su Farmacovigilanza.org da Lidia Sautebin, dell’Università Federico II di Napoli, che ha tenuto un corso d’aggiornamento sull’allarme che riguarda questi cosmetici.

I genitori sono invitati a leggere gli ingredienti e, nel caso di dermatiti, a verificare che cessino una volta interrotto l’uso delle salviette.

 

Fonti e approfondimenti

 

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>